.
Annunci online

FRA JOBS ACT E JOB ACT: L’inglese zoppicante dei Maurizio Ferrera italiani
post pubblicato in Diario, il 10 gennaio 2014


Da circa due giorni si fa un gran parlare della proposta di Matteo Renzi per favorire l’occupazione. Per una gran parte di giornalisti si scrive “Jobs Act” anziché “Job Act”. Anche per il professor Maurizio Ferrera, che ieri sul Corriere della Sera ne spiegava l’uso del plurale, jobs, con il fatto che si  riferisce al plurale “posti di lavoro”. Sbagliato.

Chi scrive Jobs Act incorre in un errore di grammatica, in quanto in inglese non si può scrivere Jobs Act perché si tratta di un aggettivo sostantivato. Pertanto job in questo caso è un aggettivo che in inglese non può avere un plurale. E soprattutto perché deriva dall’americano “Jumpstart Our Business Startups Act” che come si può notare nulla ha a che fare con il sostantivo job, essendo  solo un acronimo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Jobs Act Job Act Maurizio Ferrera

permalink | inviato da tonio il 10/1/2014 alle 13:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
adv